Twitter chiude Vine

I dati dell'ultima ricerca di Zenith fanno impressione.

Immagine autore

L'annuncio arriva a sorpresa, nonostante il periodo difficile di Twitter sia sotto gli occhi di tutti e il futuro della casa del cinguettio sia più incerta che mai

We have some important news to share about Vine. Read more here: https://t.co/jPveGelXgS

— Vine (@vine) 27 ottobre 2016

Twitter chiude l'applicazione per pubblicare loop di video brevi, acquistata nel 2012;  rimarrà l'archivio dei video ma verrà disattivato il servizio. La società di Jack Dorsey taglierà il 9% della forza lavoro, pari a 350 persone. Non proprio un grande inizio per quello che doveva essere il rilancio di un social molto amato dai suoi frequentatori, tanto che ad alcuni è balenata l'idea di acquistarlo in forma collettiva e l'idea è piaciuta a moltissimi: dare un'occhiata all'hashtag #WeAreTwitter per credere. L'impressione è che chi guida Twitter non abbia idea di come uscire dal momento terribile, e che a rischio ci sia la sopravvivenza stessa del cinguettio da 140 caratteri. Ricordiamo che la società non è riuscita a trovare qualche acquirente interessato a rilevarla, nonostante si parlasse di un interesse della Disney, di Google e di Salesforce. I dati sono anche positivi, in questo trimestre infatti gli utenti attivi sono passati da 313 milioni a 316 milioni, il problema sta più nelle difficoltà di mantenere alto l'interesse degli iscritti rispetto a concorrenti come Facebook.

Per il momento dobbiamo accontentarci del comunicato di Vine, senza avere ben chiaro il motivo per cui il servizio di video in loop viene chiuso, se non che rientra nella cornice di una riorganizzazione operata da Jack Dorsey. C'è da dire che Vine, nonostante qualche milione di user e uno zoccolo duro di affezionati, non è mai riuscita ad entrare in competizione con un mostro come You Tube e ha risentito anche parecchio della trasformazione di Instagram in piattaforma video.  Questa sofferenza è dovuta in parte anche allo scarso lavoro da parte di Twitter stessa sulla piattaforma video, poche volte aggiornata e mai integrata realmente.

Vuoi discutere un progetto simile?
Parliamone!