Le 7 regole per creare un post virale su Facebook

Quando, come, cosa postare su Facebook.

Immagine autore

1) La tempestività. È l'elemento più importante: postare un pezzo quando il tema è caldo è forse la cosa più importante. 

2) Il titolo deve fare il botto: lasciando perdere pratiche scorrette e controproducenti come il click baiting, il titolo di un articolo va studiato. Deve invogliarmi a cliccare senza per questo fare false promesse. Ancora più importante: deve fare notizia (e quindi essere una notizia).

3) Immagine: altra componente fondamentale per i social, deve colpire, nauseare, entusiasmare, emozionare. Se lascia indifferenti noi mentre postiamo il pezzo, figuriamoci gli altri.

4) Numeri, elenchi, e tutto ciò che graficamente possa colpire: la introduzione su facebook va studiata bene. Statisticamente le intro che funzionano meglio sono quelle brevi, con meno di 40 caratteri.

5) Linguaggio emotivo, provocatorio, forte: sapendo che a espressioni forti (e motivate) segue una necessaria moderazione dell'eventuale dibattito

6) Differenziamo i formati: carichiamo ogni tanto qualche video originale (viaggi potrebbe per esempio benissimo farlo), pubblichiamo foto che colpiscano, citazioni, etc (opinionismi mi pare sia diventato un buon esempio). È bene sapere che l'algoritmo di Facebook ad oggi premia il post con link e penalizza immagini a cui aggiungiamo link ciechi (o short link dei quali non sappiamo dove ci mandano). Quindi se pubblicate il classico post con link di base avete un engagement superiore ( ma non basta). 

7) Analizziamo gli Analytics dei social per capire i gusti del nostro pubblico, cosa funziona e cosa no e quando i nostri fan sono online. Senza un lavoro sui dati andremo sempre un po' a naso.

Vuoi discutere un progetto simile?
Parliamone!